Truffa da Milioni di dollari sulle .com

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
100% fino a 10€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
50% fino a 35€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
100% fino a 20€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
100% fino a 20€

Bonus senza deposito:
2€

Bonus di benvenuto:
100% fino a 20€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
100% fino a 10€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
20% fino a 50€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
100% fino a 5€

Bonus senza deposito:

Bonus di benvenuto:
25% fino a 20€

Non è la prima volta che accade una cosa del genere, ma quando avviene una truffa nel mondo del poker online, la cosa fa sempre molto parlare e lascia dubbi e questioni aperte.

Questa volta la presunta truffa sarebbe stata messa in atto da un professional poker player danese, di 32 anni, che pare aver truffato numerosi avversari in un arco temporale addirittura superiore ai dieci anni, sottraendo loro svariati milioni di dollari.

La notizia di un’indagine a riguardo è stata confermata dal comandante della polizia danese Torben Koldborg Frederiksen, pochi giorni fa.
Nel dettaglio la frode dell’hacker consisterebbe nell’aver installato dei trojan su diversi computer, cosa che gli avrebbe permesso di ottenerne l’accesso da remoto e di visionare le hole card dei suoi avversari, mentre c’erano in palio migliaia di dollari.

indexIl nome dell’autore di questa frode non è stato reso noto, ma molti ritengono che si tratti di un ex campione affermatosi durante l’European Poker Tour, che fra l’altro sarebbe stato presente anche durante gli EPT di Berlino (nel 2012) e l’anno seguente a quelli di Barcellona. In entrambi i casi si erano già verificati diversi attacchi di hacking e dunque la relazione fra questi episodi ed il fatto indagato sembra evidente.

In ogni caso, la polizia danese è riuscita a far filtrare poco altro a riguardo, ma ci sono alcune indiscrezioni clamorose, secondo cui ad aiutare il truffatore nel compromettere i computer delle vittime, sarebbe stato proprio un membro delle forze di polizia. Questo sarebbe stato possibile in quanto esistono poliziotti specialisti nella creazione di questi trojan, che normalmente vengono utilizzati per spiare le attività di potenziali criminali o sospettati.

Ovviamente la vicenda andrà chiarita, ma sicuramente fa riflettere sulle possibili truffe in cui si rischia di incappare ed è per questo che è sempre consigliabile affidarsi a casinò online dotati di regolare licenza AAMS, che tutelano completamente i player.